Magistero

19 dicembre 1926

«Il contributo della Chiesa Cattolica alla Verità»
Discorso per l’inaugurazione dell’anno accademico della Pontificia Accademia delle Scienze «Nuovi Lincei»

Il Papa condivide pienamente l’idea che la Chiesa abbia contribuito alla scienza e all’arte più di ogni altra istituzione.

Disse il Santo Padre che, innanzitutto, teneva ad esprimere tutto il Suo profondo compiacimento ed anche – non per modo di dire, ma sinceramente – la Sua riconoscenza per quella magnifica strenna natalizia e per il nuovo anno che la Sua Accademia delle Scienze aveva voluto presentargli e offrirgli.
Aggiunse che il Presidente aveva detto parole piene di verità e di magnifica, bellissima grandezza, quando aveva detto che nessuna istituzione che la storia conosca ha, quanto la Chiesa di Dio, la Chiesa cattolica – questa Custode del verbo rivelato della Fede – portato prezioso contributo alla scienza, all’arte. Ed era cosa che riempiva il Santo Padre di purissimo gaudio, quella di poter presentare alla Sua Pontificia Accademia delle Scienze le Sue congratulazioni per così largo, così bello, così solido contributo che essa ha portato alla dimostrazione e conferma di questa verità.
Le Sue felicitazioni andavano innanzitutto a quelli che chiamava le Sue «pacifiche medaglie d’oro» e poi a tutta l’Accademia e a tutti quelli che contribuiscono così efficacemente ai suoi lavori e partecipano ai suoi propositi. E quanto più sincere e grate erano le felicitazioni del S. Padre, tanto più fiducioso era l’augurio che la Sua cara Accademia continuasse a progredire sempre più attivamente, sempre più risolutamente per la bellissima via nella quale già così onoratamente corre.
Con queste felicitazioni e con questo augurio, Sua Santità porgeva il saluto all’Accademia e a tutti gli Accademici, ai loro lavori e alle loro famiglie, a tutto quello che essi portavano nel memore pensiero e nell’affetto del cuore col desiderio della Sua Benedizione Apostolica che di tutto cuore impartiva.