Magistero

19 aprile 1975

19april1975

Discorso per la Sessione plenaria e la Settimana di studio su
«Le membrane biologiche artificiali e la desalinizzazione dell’acqua»

Paolo VI dichiara che lo scienziato e specialmente lo scienziato cristiano, dovrebbe difendere e proteggere il «futuro terrestre dell’umanità», e che tale azione è una forma di carità, in un contesto ecologico, verso le prossime generazioni. Sostiene inoltre che i ricercatori devono essere consapevoli che la natura ha segrete possibilità, che l’intelligenza umana può scoprire e utilizzare «per giungere allo sviluppo che è nel disegno del Creatore». Dio, che è «l’Autore della natura e dello spirito umano», vuole questa iniziativa da parte dell’uomo e ciò incoraggia gli scienziati nelle loro imprese.

Signori Cardinali, Eccellenze,
alla conclusione della vostra Settimana di studio, Signori scienziati, siamo felici di rinnovarvi l’espressione della nostra profonda stima e del nostro caldo incoraggiamento ad apportare al progresso scientifico il contributo altamente qualitativo, di cui è capace l’Accademia Pontificia delle Scienze.
Se la Santa Sede si rallegra di questo contributo, e ne divide con voi la fierezza, è in considerazione del notevole servizio che voi siete in grado di rendere all’umanità per una approfondita conoscenza della natura e per il miglioramento delle condizioni di vita. La Chiesa è ancora più direttamente coinvolta, quando si tratta di campi nei quali sono implicate allo stesso tempo la scienza, l’etica e la fede, e in cui la vostra testimonianza di credenti, unita alla vostra competenza scientifica, è particolarmente apprezzata.
Nel corso dell’anno 1974 non sono mancate le attività dell’Accademia Pontificia delle Scienze, sotto il vigoroso impulso del suo Presidente, al quale rendiamo omaggio. Lavori e confronti tra esperti, pubblicazioni scientifiche, manifestazioni culturali, interventi al Sinodo dei Vescovi, hanno splendidamente manifestato la vitalità della vostra Istituzione, che presto compirà i quarant’anni. Noi conserviamo un particolare ricordo della Commemorazione di Guglielmo Marconi, dovuta alla vostra iniziativa.
Attualmente, voi avete appena affrontato il problema altamente specializzato delle membrane biologiche e artificiali in grado di procurare la dissalazione delle acque. Noi non entreremo affatto, lo capite bene, nella complessità di questa questione tecnica, né delle sue possibilità di applicazione, che senza dubbio sarebbero ancora premature. Ma sappiamo che si tratta qui di una sorta di importante metabolismo che l’umanità ha interesse a investigare a fondo, dato che la scarsità delle riserve di acqua dolce rischia di ostacolare il suo sviluppo.
Sottolineiamo soltanto, nel più generale campo della ricerca scientifica, due atteggiamenti che ci sembra debbano caratterizzare lo scienziato e lo scienziato cristiano. Da un lato, egli deve lealmente interrogarsi sull’avvenire terrestre dell’umanità e – da uomo responsabile – concorrere a prepararlo, a preservarlo, a eliminare i rischi; noi riteniamo che questa solidarietà con le generazioni future sia una forma di carità alla quale molti, del resto, sono oggi sensibili nel quadro dell’ecologia. Ma, allo stesso tempo, lo scienziato deve essere animato dalla fiducia che la natura nasconde delle possibilità segrete, che spetta all’intelligenza scoprire e mettere in atto, per giungere allo sviluppo che è nel disegno del Creatore. Questa speranza nell’Autore della natura e dello spirito umano – rettamente intesa – è in grado di dare al ricercatore credente un’energia nuova e serena.
In questo spirito, vi incoraggiamo a continuare i vostri lavori e a realizzare, con le risorse economiche, purtroppo limitate, dell’Accademia, le felici iniziative che le fanno onore. Abbiamo adesso la gioia di consegnare la medaglia Pio XI al Signor Stephen William Hawking, i cui studi, tra gli altri, sui «buchi neri» gli hanno meritato a giusto titolo una rinomanza internazionale. Tutte le nostre felicitazioni, caro Professore, e a tutti voi, cari Signori, i migliori auguri per le vostre attività e quelle dell’Accademia. Vi aggiungiamo, quale pegno della nostra sollecitudine per la vostra vita spirituale e quella dei vostri cari, la nostra benedizione apostolica.

Collegamenti

Le membrane biologiche e artificiali e la desalinizzazione dell’acqua

Study Week, 14-19 April 1975 R. Passino (ed) Scripta Varia 40 Vatican City, 1976 pp. xxxix-901 ... Continua

Guglielmo Marconi

Bologna, 25/4/1874 – Roma, 20/7/1937 Titolo Professore di Onde Elettromagnetiche, Università... Continua

Stephen Hawking

Data di nascita: 8 gennaio 1942 Luogo: Oxford (Regno Unito) Nomina: 9 gennaio 1986 Disciplina:... Continua