Dichiarazione finale

cop22

Laudato Si’ e la strada verso la COP 22

28 settembre 2016

L'accordo sul clima di Parigi è storico. Per la prima volta dalla firma della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) del 1992, tutti i paesi hanno deciso di agire per proteggere il pianeta. Gli obiettivi principali comprendono: (1) mantenere il riscaldamento a "ben al di sotto dei 2°C" e "proseguire gli sforzi per mantenerlo al di sotto di 1,5°C"; (2) consentire ai paesi di adattarsi agli impatti negativi già in atto; e (3) garantire un flusso di finanziamenti equi e giusti per raggiungere gli obiettivi climatici.

La COP22, che si terrà a Marrakech, in Marocco, dal 7 al 18 novembre 2016, sarà la prima riunione delle Parti dopo l'accordo di Parigi. Esortiamo tutti i firmatari dell'accordo di Parigi a procedere insieme con determinazione, urgenza, valori condivisi e un piano globale comune. Sottolineiamo le seguenti opportunità e priorità.

In primo luogo, l'accordo sul clima di Parigi va inteso come un pilastro dell'impegno globale del mondo per lo sviluppo umano integrale e sostenibile, compresi gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) concordati universalmente. Nelle parole di Laudato Si', gli SDG e l'accordo sul clima di Parigi riflettono la necessità di "un mondo con un piano comune".

In secondo luogo, l'accordo sul clima di Parigi entrerà in vigore il 4 novembre 2016, con 75 paesi che l'hanno già ratificato a partire dal 7 ottobre 2016: le restanti 121 parti che non lo hanno ancora ratificato devono farlo rapidamente;

In terzo luogo, tutti i paesi firmatari devono insistere sull'universalità dell'accordo. L'accordo di Parigi è un piano comune per la nostra casa comune. Nessun singolo paese dovrebbe astenersi dalla ratifica e dall'attuazione tempestiva dell'accordo sul clima di Parigi;

In quarto luogo, tutti i paesi dovrebbero partecipare alla COP22 con la ferma intenzione di adottare Contributi determinati a livello nazionale (NDC) da qui al 2030 e Strategie a lungo termine per lo sviluppo delle emissioni di gas a effetto serra (LEDS) da qui al 2050, che sono sufficientemente adeguate a raggiungere i limiti del riscaldamento globale posti dall'accordo di Parigi;

In quinto luogo, esperti tecnici di tutti i paesi firmatari dovrebbero partecipare alla Conferenza sulle soluzioni a basse emissioni (LESC) presso la COP22, ospitata dal governo del Marocco allo scopo di diffondere le migliori pratiche e idee su come raggiungere al meglio i traguardi dell'accordo di Parigi sul clima.

In sesto luogo, i paesi firmatari dovrebbero occuparsi professionalmente dei ruoli chiave dei propri sistemi energetici nazionali, dei sistemi agricoli nazionali e delle politiche di uso del suolo, al fine di attuare gli obiettivi dell'Accordo di Parigi;

In settimo luogo, nell'attuare le politiche nazionali sull'uso del suolo, i governi, le imprese e la società civile dovrebbero puntare a diversi obiettivi cruciali: porre fine alla deforestazione; ripristinare le terre degradate; proteggere la biodiversità e gli ecosistemi; e, soprattutto, dare potere alle popolazioni indigene che sono spesso gli amministratori delle terre minacciate;

Ottavo, tutti i paesi dovrebbero concordare in buona fede di cooperare su un adeguato finanziamento del clima, con i paesi ad alto reddito che onorano i loro impegni di lunga data in trasparenza e sincerità per fornire almeno 100 miliardi di dollari all'anno entro il 2020 ai paesi a basso reddito per finanziare trasformazione energetica, ripristino del territorio, adattamento e resilienza;

Nono, tutti i firmatari dovrebbero onorare l'impegno collettivo di attuare meccanismi internazionali per "Perdite e danni", in particolare per compensare i paesi che subiscono eventi meteorologici e climatici estremi (tra cui ondate di calore, malattie epidemiche, innalzamento del livello del mare, siccità, inondazioni e cicloni tropicali estremi) collegati al cambiamento climatico indotto dall'uomo.

Decimo, tutte le parti interessate, compresi i governi, le imprese e la società civile, dovrebbero promuovere l'educazione dei giovani di oggi nelle scienze e nei valori etici dello sviluppo umano integrale e dello sviluppo sostenibile. Tutte le istituzioni educative dovrebbero fare in modo di aggiornare i propri curricula e programmi di insegnamento per educare i giovani a queste grandi sfide.

FIRMATARI

Anthony Annett
Jim Antal
Margaret S. Archer
Simona Beretta
Giacomo Costa S.J.
Michael Czerny S.J.
Fred Dubee
Bruno-Marie Duffé
Paolo Foglizzo
Flaminia Giovanelli
Tomás Insua
Zhou Jinfeng
Sheila Kinsey, FCJM
Pierre Léna
Marybeth Lorbiecki
Card. Theodore E. McCarrick
Sean McDonagh, SSC
Mariagrazia Midulla
Tullio Pagano
V. Ramanathan
Jeffrey Sachs
Sonia Ehrlich Sachs
Marcelo Sánchez Sorondo
Andrea Stocchiero
Silvano M. Tomasi
Card. Peter K.A. Turkson
Pedro Walpole SJ
Takaaki Pio Yasuoka
Stefano Zamagni
 

Collegamenti

"Laudato si'" e il percorso che conduce al COP22 a Marrakech

SEMINARIO CONGIUNTO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO DI GIUSTIZIA E PACE E DELLA PONTIFICIA ACCADEMIA DELLE... Continua

"Laudato si'" and the Path to COP22 in Marrakech

Atti della Consultazione congiunta 28 settembre 2016 Scripta Varia 128 Vatican City, 2016 E-Pub... Continua