Maxine F. Singer

singer_m2010

Data di nascita 15 febbraio 1931
Luogo New York, NY (USA)
Nomina 9 giugno 1986
Disciplina Biochimica
Titolo Professore

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Premi: US Government Senior Executive Service Outstanding Performance Award; National Medal of Science (1992); Premio Vanneva-Bush (1999); National Academy of Science, USA; American Academy of Arts and Sciences; Institute of Medicine, National Academy of Sciences; American Philosophical Society; Public Welfare Medal (2007). Accademie: American Society of Biological Chemists; American Association for the Advancement of Science; American Chemical Society; American Society of Microbiologists; American Society for Cell Biology; Pontificia Accademia delle Scienze. Lauree honoris causa: Swarthmore College; Università di Wesleyan; Università di Harvard; Università di Yale. 


Riassunto dell’attività scientifica
Maxine Singer ha ottenuto il dottorato in biochimica nel 1957 dall’Università di Yale. Il suo interesse per gli acidi nucleici (DNA e RNA) è iniziato durante le sue ricerche post-dottorato presso il laboratorio di Leon Heppel al National Institute of Health. Fino al 1975 è stata Ricercatrice Biochimica all’Institute of Arthritis and Metabolic Diseases, NIH. In quel periodo ha lavorato alla sintesi e alla struttura dell’RNA e ha applicato questa esperienza al lavoro che ha elucidato il codice genetico. Ha inoltre descritto e studiato gli enzimi che degradano l’RNA nei batteri. Dal 1970 in poi si è interessata ai virus animali e ha trascorso un periodo sabbatico presso il laboratorio di Ernest Winocour (1971-1972) al Weizmann Institute of Science in Israele. Lì ha iniziato a lavorare su alcuni aspetti del simian virus 40. Nel 1975 la Prof. Singer si trasferisce presso il National Cancer Institute, dove continua a lavorare sui virus difettivi SV40, i cui genomi contengono regioni del DNA delle cellule della scimmia ospite. La Prof. Singer ha inoltre svolto ricerche sull’interazione tra l’istone H1 e il DNA e il suo rapporto con la struttura della cromatina. In quello stesso anno ha partecipato al comitato organizzativo dell’Asilomar Meeting sulle molecole di DNA ricombinante, la prima discussione pubblica riguardante le implicazioni di questi nuovi metodi. Il suo lavoro sull’SV40 difettivo ha portato ad un interesse per le sequenze di DNA ad alta ripetitività nei primati, incluso il genoma umano. A sua volta, questo ha portato alla scoperta, nel DNA umano, di un elemento trasponibile (jumping gene), argomento che è stato l’oggetto delle sue ricerche più recenti. Nel corso della sua carriera si può notare che gli interessi scientifici della Prof. Singer si sono concentrati prima sulla chimica, per poi andare sempre di più verso i fenomeni biologici. Le sue ricerche più recenti sono state mirate a elucidare il meccanismo tramite il quale l’elemento trasponibile umano si replica e dissemina le sue copie in nuove posizioni genomiche, un processo che può essere mutagenico. Nel 1998 la Prof. Singer è diventata Presidente della Carnegie Institution di Washington, mantenendo il suo laboratorio e il titolo di Scienziato Emerito presso l’NIH. Alla Carnegie ha rinnovato il suo interesse per la gamma delle scienze studiate presso i dipartimenti dell’istituto: scienze della terra, astronomia, biologia vegetale e dello sviluppo. Ha inoltre avviato programmi progettati per migliorare la comprensione scientifica del grande pubblico, la formazione degli insegnanti della scuola elementare e ha avviato un corso di lezioni scientifiche per bambini chiamato First Light. Nel 2003 ne è divenuta Presidente Emerito. La Prof. Singer è stata presidente del comitato di redazione dei Proceedings of the National Academy of Sciences of the USA. In precedenza aveva fatto parte dei comitati di redazione del Journal of Biological Chemistry e della rivista Science. La Prof. Singer è stata amministratrice fiduciaria della Yale Corporation (1975-1990), è membro del corpo dirigente del Weizmann Institute of Science ed è stata co-presidente del suo Comitato consultivo scientifico e accademico. E’ stata inoltre membro del consiglio di amministrazione di Johnson & Johnson.


Pubblicazioni principali
Singer, M.F., Jones, O.W. and Nirenberg, M.W., The effect of secondary structure on the template activity of polyribonucleotides, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 29, pp. 392-9 (1963); Leder, P., Singer, M.F. and Brimacombe, R.L.C., Synthesis of trinucleoside diphosphates with polynucleotide phosphorylase, Biochemistry, 4, pp. 1561-7 (1965); Nossal, N.G. and Singer, M.F., The processive degradation of individual polyribonucleotide chains. I. Escherichia coli ribonuclease II, J. Biol. Chem., 243, pp. 913-22 (1968); Moses, R.E. and Singer, M.F., Polynucleotide phosphorylase of Micrococcus luteus. Studies on the polymerization reaction catalyzed by primer-dependent and primer-independent enzymes, J. Biol. Chem., 245, pp. 2414-22 (1970); Singer, D.S. and Singer, M.F., Studies on the interaction of H1 histone with superhelical DNA; Characterization of the recognition and binding regions of H1 histone, Nucleic Acids Res., 3, pp. 2531-47 (1976); Rosenberg, H., Singer, M.F. and Rosenberg, M., Highly reiterated sequences of SIMIANSIMIANSIMIANSIMIANSIMIAN, Science, 200, pp. 394-402 (1978); Grimaldi, G. and Singer, M.F., A monkey Alu-sequence is flanked by 13 base pair direct repeats of an interrupted α-satellite DNA sequence, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 79, pp. 1497-1500 (1982); Skowronski, J. and Singer, M.F., Expression of a cytoplasmic LINE-1 transcript is regulated in a human teratocarcinoma cell line, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 82, pp. 6050-4 (1985); Skowronski, J., Fanning, T.G. and Singer, M.F., Unit length LINE-1 transcripts in human teratocarcinoma cells, Mol. Cell. Biol., 8, pp. 1385-97 (1988); Singer, M.F. and Berg, P., Genes and Genomes, University Science Books (1990); Singer, M.F. and Berg, P., Dealing with Genes: The Language of Heredity, University Science Books (1992); Hohjoh, H. and Singer, M.F., Sequence specific single-strand RNA-binding protein encoded by the human LINE-1retrotransposon, EMBO J., 16, pp. 6034-43 (1997); Clements, A.P. and Singer, M.F., The human LINE-1 reverse transcriptase: Effects of deletions ouside the common reverse transcriptase domain, Nucleic Acids Research, 26, pp. 3528-35 (1998); Berg, P. and Singer M., George Beadle An Uncommon Farmer: The Emergence of Genetics in the 20th Century, pp. 383, Cold Spring Harbor Laboratory Press (April 30, 2005).

Indirizzo professionale

President emeritus
Carnegie Institution of Washington
1530 P Street, N.W.
Washington D.C. 20005-1910 (USA)

Relazioni

The Latest Challenge to Evolution: Intelligent Design (PDF) 2008

Genetically Modified Organisms (PDF) 2001