Edward M. De Robertis

derobertis2016

Data di nascita 6 giugno 1947
Luogo Boston, MA (USA)
Nomina 8 settembre 2009
Disciplina Biologia
Titolo Professore

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Accademie: National Academy of Sciences; American Academy of Arts and Sciences; the European Molecular Biology Organization; Membro Onorario, Société de Biologie, Parigi, Francia; Membro Corrispondente, Accademia delle Scienze Latinoamericana. Si occupa attivamente di questioni latinoamericane ed è membro ventennale del comitato scientifico del programma latinoamericano della Pew Charitable Trusts. Ha ricevuto il premio Ross G. Harrison per la biologia dello sviluppo. Dal 2002 al 2006 è stato Presidente della Società Internazionale di Biologi dello Sviluppo.


Riassunto dell’attività scientifica
Le ricerche di Edward De Robertis sono incentrate sui meccanismi molecolari dell’induzione embrionica negli embrioni dei vertebrati. Ha clonato vari geni che codificano gli antagonisti secreti dei fattori di crescita che sono usati dalle cellule embrionali per comunicare tra di loro. Queste proteine sono usate per controllare la differenziazione cellulare e sono state conservate in tutti gli animali bilaterali. Il suo lavoro ha portato alla realizzazione che il macchinario molecolare per il patterning embrionale è comune a tutti gli embrioni animali. Nel 1984 il Prof. De Robertis, insieme al suo fedele collega Walter Gehring, ha isolato il primo gene che controlla lo sviluppo dei vertebrati, ora denominato Hox-C6. La conservazione di geni Hox tra vertebrati e mosche della frutta, che regola l’asse corporeo anteroposteriore, ha segnato l’inizio della giovane branca della disciplina scientifica che si occupa di Evoluzione e Sviluppo, detta Evo-Devo. Negli anni 1990 De Robertis ha intrapreso la dissezione sistematica dei meccanismi molecolari che mediano l’induzione embrionale. Nel 1924 Hans Spemann e Hilde Mangold avevano individuato una regione dell’embrione anfibio che era in grado di indurre la formazione di gemelli siamesi dopo il trapianto. De Robertis ha isolato alcuni geni espressi in questa regione. Ha scoperto la Cordina, una proteina secreta dalle cellule dorsali che lega i fattori di crescita della Proteina Morfogenetica Ossea (BMP), facilitando il loro trasporto verso la parte ventrale dell’embrione, dove la Cordina è digerita da un proteasi in modo che le Proteine Morfogenetiche Ossee possano inviare segnali. Questo flusso di fattori di crescita determina la differenziazione dei tessuti e delle cellule dorsali e ventrali in molti animali bilaterali, quali le mosche delle frutta, i ragni, i primi cordati e i mammiferi. Attualmente il suo laboratorio studia il rapporto ravvicinato tra la via di trasduzione del segnale Wnt, gli endosomi multivescicolari e la degradazione delle proteine. In breve, De Robertis è stato un pioniere dell’attuale e rivoluzionaria scoperta che i meccanismi molecolari di patterning anteroposteriori e dorsali-ventrali sono comuni a tutti gli embrioni animali. Questo uso di reti di geni conservati durante lo sviluppo ha incanalato gli esiti dell’evoluzione tramite Selezione Naturale che scaturisce dall’Urbilateria, l’ultimo antenato comune di vertebrati e invertebrati.

Pubblicazioni principali
De Robertis, E.M. and Gurdon, J.B. (1977). Gene Activation in somatic nuclei after injection into amphibian oocytes. Proc. Natl. Acad. Sci. USA 74, 2470-2474; Carrasco, A.E., McGinnis, W., Gehring, W.J. and De Robertis, E.M. (1984), Cloning of a Xenopus laevis gene expressed during early embryogenesis that codes for a peptide region homologous to Drosophila homeotic genes: implications for vertebrate development, Cell 37, 409-14; Sasai, Y., Lu, B., Steinbeisser, H., Geissert, D., Gont, L.K. and De Robertis, E.M. (1994), Xenopus chordin: a novel dorsalizing factor activated by organizer-specific homeobox genes, Cell 79, 779-90; Piccolo, S., Sasai, Y., Lu, B. and De Robertis, E.M. (1996), Dorsoventral patterning in Xenopus: Inhibition of ventral signals by direct binding of Chordin to BMP-4, Cell 86, 589-98; Bouwmeester, T., Kim, S.H., Sasai, Y., Lu, B. and De Robertis, E.M. (1996), Cerberus, a head-inducing secreted factor expressed in the anterior endoderm of Spemann's Organizer, Nature 382, 595-601; Piccolo, S., Agius, E., Lu, B., Goodman, S., Dale, L. and De Robertis, E.M. (1997), Cleavage of Chordin by the Xolloid metalloprotease suggests a role for proteolytic processing in the regulation of Spemann organizer activity, Cell 91, 407-16; Reversade, B. and De Robertis, E.M. (2005), Regulation of ADMP and BMP2/4/7 at opposite embryonic poles generates a self-regulating morphogen field, Cell 123, 1147-60; Lee, H.X., Ambrosio, A.L., Reversade, B. and De Robertis, E.M. (2006), Embryonic dorsal-ventral signaling: secreted Frizzled-related proteins as inhibitors of Tolloid proteinases, Cell 124, 147-59; Fuentealba, L.C., Eivers, E., Ikeda, A., Hurtado, C., Kuroda, H., Pera, E.M., and De Robertis, E.M. (2007), Integrating patterning signals: Wnt/GSK3 regulates the duration of the BMP/Smad1 signal, Cell 131, 980-93; De Robertis, E.M. (2008), Evo-Devo: Variations on Ancestral themes, Cell 132, 185-95; Taelman, V.F., Dobrowolski, R., Plouhinec, J.L., Fuentealba, L.C., Vorwald, P.P., Gumper, I., Sabatini, D.D. and De Robertis, E.M. (2010). Wnt signaling requires the sequestration of Glycogen Synthase kinase 3 inside multivesicular endosomes. Cell 143, 1136-1148; Dobrowolski, R., Vick, P., Ploper, D., Gumper, I., Snitkin, H., Sabatini, D.D. and De Robertis, E.M. (2012); Presenilin deficiency or lysosomal inhibition enhance Wnt signaling through relocalization of GSK3 to the late endosomal compartment. Cell Reports 2, 1316-1328.

Indirizzo professionale

Edward M. De Robertis, M.D., Ph.D.
Howard Hughes Medical Institute
University of California, PO Box 951737
5-577 MRL, 615 C. Young Drive South
Los Angeles, CA 90095-1737, USA

Auto-Presentazione

Relazioni

Deciphering Complexity in Biology: Induction of Embryonic Cell Differentiation by Morphogen Gradients (PDF) 2012

Evo-Devo: the Merging of Evolutionary and Developmental Biology (PDF) 2010