Suzanne Cory

cory2010

Data di nascita 11 marzo 1942
Luogo Melbourne (Australia)
Nomina 27 gennaio 2004
Disciplina Biologia molecolare
Titolo Professore

Principali premi, riconoscimenti e accademie
Premi: Premio David Syme, Università di Melbourne (1982); Premio Avon Australia 'Spirit of Achievement' (1992); Medaglia Lemberg, Società Australiana di Biochimica & Biologia Moleculare (1995); Medaglia Burnet, Australian Academy of Science (1997); Premio Australia (condiviso) (1998); Premio Charles S. Mott (condiviso), General Motors Cancer Research Foundation (1998); Premio L'Oreal – UNESCO Women in Science (2001); Medaglia Reale, Royal Society (2002); Medaglia del Centenario della Federazione, Australia (2003). Accademie: Australian Academy of Sciences (1986); Royal Society (1992); American Association for Immunology (1993); Royal Society of Victoria (1996); US National Academy of Science (1997); Asia-Pacific International Molecular Biology Network (1998); American Academy of Arts and Sciences (2001); Académie des sciences, Parigi (2002); Australian Society for Biochemistry and Molecular Biology; American Association for Cancer Research.

Riassunto dell’attività scientifica
Le ricerche di Suzanne Cory hanno avuto un impatto enorme per comprendere l’immunologia e lo sviluppo dei tumori. Dopo i suoi studi pionieristici di dottorato che hanno determinato la sequenza della metionina tRNA, utilizzando i metodi di sequenziazione che erano appena stati sviluppati da Fred Sanger, i suoi studi di post-dottorato presso l’Università di Ginevra si sono incentrati sull’analisi della sequenza dell’RNA batteriofago R17, un modello di RNA messaggero. Cory e Adams sono tornati a Melbourne presso The Walter and Eliza Hall Institute nel 1971. Nei primi anni hanno scoperto estremità 5’ sugli RNA messaggeri dei mammiferi, hanno aiutato a introdurre la tecnologia di clonazione dei geni in Australia e si sono occupati di un enigma centrale concernente la risposta immunitaria: come fa il corpo a produrre le miriadi di anticorpi che occorrono per combattere i vari agenti infettivi? Il loro laboratorio ha contribuito alla scoperta della sorprendente soluzione: i geni degli anticorpi sono codificati come pezzettini che si possono combinare in una molteplicità di modi, creando perciò una maggiore diversità con la quale combattere l’infezione. Nel 1981 hanno rivolto la loro attenzione alla natura degli incidenti genetici che causano i tumori. Il loro laboratorio ha dimostrato che i danni ai cromosomi possono attivare i geni che promuovono il cancro. Hanno rintracciato la mutazione che attiva l’oncogene myc e conduce al linfoma di Burkitt, una malignità delle cellule che producono anticorpi. In collaborazione con Alan Harris, hanno poi ingegnerizzato delle nuove linee di topi soggetti a linfomi, per studiare le fasi iniziali della malattia e per condurre test sulle mutazioni sinergiche. Le loro ricerche attuali vertono sui meccanismi tramite i quali le cellule decidono di vivere o di morire. Questo programma è stato lanciato nel 1988 dalla scoperta chiave di David Vaux presso il loro laboratorio, che bcl-2, il gene responsabile del linfoma follicolare, incoraggia la sopravvivenza delle cellule. Questa scoperta ha dato il via ad un modo completamente nuovo di pensare allo sviluppo dei tumori, dal momento che tutti gli altri oncogeni (geni che causano i tumori) promuovevano la proliferazione cellulare. Il gene bcl-2 ha dimostrato di avere vari parenti, alcuni dei quali promuovono la morte cellulare (apoptosi) invece della sopravvivenza cellulare. Oggi un programma importante del Hall Institute, condotto da Adams, Cory, Harris, Strasser, Huang, Vaux, Gerondakis e Colman è rivolto a capire come si controlla l’apoptosi, come influenza lo sviluppo normale e come contribuisce al cancro e alle altre malattie. Queste conoscenze porteranno allo sviluppo di terapie più efficaci contro il tumore e le malattie degenerative.

Pubblicazioni principali
Adams, J.M. and Cory, S., Modified nucleosides and bizarre 5'-termini in mouse myeloma rnRNA, Nature, 255, pp. 28-33 (1975); Cory, S. and Adams, J.M., Deletions are associated with somatic rearrangement of immunoglobulin heavy chain genes, Cell, 19, pp. 37-51 (1980); Adams, J.M., Gerondakis, S., Webb, E., Corcoran, L.M. and Cory, S., Cellular myconcogene is altered by chromosome translocation to an immunoglobulin locus in murine plasmacytomas and rearranged similarly in Burkitt lymphomas of man, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 80, pp. 1982-6 (1983); Corcoran, L.M., Adams, J.M., Dunn, A.R. and Cory, S., Murine T lymphomas in which the cellular myc oncogene has been activated by retroviral insertion, Cell, 37, pp. 113-22 (1984); Adams, J.M., Harris, A.W., Pinkert, C.A., Corcoran, L.M., Alexander, W.S., Cory, S., et al., The c-myc oncogene driven by immunoglobulin enhancers induces lymphoid malignancy in transgenic mice, Nature, 318, pp. 533-8 (1985); Vaux, D., Cory, S. and Adams, J.M., Bcl-2 gene promotes haematopoietic cell survival and cooperates with c-myc to immortalize pre-B cells, Nature, 335, pp. 440-2 (1988); Johnson, G.R., Gonda, T.J., Metcalf, D., Hariharan, J.K. and Cory, S., A lethal myeloproliferative syndrome in mice transplanted with bone marrow cells infected with a retrovirus expressing granulocyte-macrophage colony stimulating factor,EMBO J., 8, pp. 441-8 (1989); Strasser, A., Harris, A.W., Bath, M.L. and Cory, S., Novel primitive lymphoid tumours induced in transgenic mice by cooperation between myc and bcl-2Nature, 348, pp. 331-3 (1990); Rosenbaum, H., Harris, A.W., Bath, M.L., McNeall, J., Webb, E., Adams, J.M. and Cory, S., An Eμ-v-abl transgene elicits plasmacytomas in concert with an activated myc gene, EMBO J., 9, pp. 897-905 (1990); Elefanty, A.G., Hariharan, I.K. and Cory, S., bcr-abl, the hallmark of chronic myeloid leukaemia in man, induces multiple haemopoietic neoplasms in mice, EMBO J., 9, pp. 1069-78 (1990); Perkins, A., Kongsuwan, K., Visvader, J., Adams, J.M. and Cory, S., Homeobox gene expression plus autocrine growth factor production elicits myeloid leukemia, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 87, pp. 8398-8402 (1990); Strasser, A., Harris, A.W. and Cory, S., bcl-2transgene inhibits T cell death and perturbs thymic self-censorship, Cell, 67, pp. 889-99 (1991); Adams, J.M. and Cory, S., The Bcl-2 protein family: arbiters of cell survival,Science, 281, pp. 1322-26 (1998); Print, C.G., Loveland, K.L., Gibson, L., Meehan, T., Stylianou, A., Wreford, N., de Kretser D., Metcalf, D., Kontgen, F., Adams, J.M. and Cory, S., Apoptosis regulator Bcl-w is essential for spermatogenesis but appears otherwise redundant, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 95, pp. 12424-31 (1998); Bouillet, P., Purton, J.F., Godfrey, D.I., Zhang, L.C., Coultas, L., Puthalakath, H., Pellegrini, M., Cory, et al.,BH3-only Bcl-2 family member Bim is required for apoptosis of autoreactive thymocytes,Nature, 415, pp. 922-6 (2002); Cory, S., Adams, J.M., The Bcl2 family: regulators of the cellular life-or-death switch, Nat. Rev. Cancer, 2(9), pp. 647-56 (2002); Adams, J.M., Cory, S., Apoptosomes: engines for caspase activation, Curr. Opin. Cell. Biol. 14(6), pp. 715-20 (2002); Cory, S., et al., The Bcl-2 family: roles in cell survival and oncogenesis, Oncogene, 22(53), pp. 8590-607 (2003); Egle, A., Harris, A.W., Bath, M.L., O'Reilly, L., Cory, S., VavP-Bcl2 transgenic mice develop follicular lymphoma preceded by germinal center hyperplasia,Blood, 103(6), pp. 2276-83 (2004); Egle, A., Harris, A.W., Bouillet, P., Cory, S., Bim is a suppressor of Myc-induced mouse B cell leukaemia, Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 101(16), pp. 6164-9 (2004); Smith, D.P., Bath, M.L., Metcalf, D., Harris, A.W., Cory, S., MYC levels govern hematopoietic tumor type and latency in transgenic mice, Blood, 108(2), pp. 653-61 (2006); van Delft, M.F., Wei, A.H., Mason, K.D., Vandenberg, C.J., Chen, L., Czabotar, P.E., Willis, S.N., Scott, C.L., Day, C.L., Cory, S., et al., The BH3 mimetic ABT-737 targets selective Bcl-2 proteins and efficiently induces apoptosis via Bak/Bax if Mcl-1 is neutralized, Cancer Cell., 10(5), pp. 389-99 (2006).

Indirizzo professionale

The Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research
1G Royal Parade
Parkville, Victoria (Australia)